L'Agenda

19 ottobre 2018
ore 17:00

Festival della Diplomazia 2018, Tavola Rotonda “The future of work in the age of automation”

Istituto Luigi Sturzo - Sala Perin del Vaga

L’impatto della robotica e dell’automazione nel lavoro è oggetto di analisi ormai da diversi anni. Le tecnologie che consentono di rendere autonomi interi processi produttivi o servizi di utilizzo comune (il trasporto pubblico ad esempio) sono teoricamente in grado di sostituire i lavoratori ma non di rendere superfluo il ruolo umano nell’organizzazione e gestione del lavoro.
Secondo un rapporto realizzato da Mc Kinsey, ad oggi solo il 5% delle attività economiche “umane” può essere interamente eseguita da un non-umano. Da un’altra parte, del 60% dei lavoratori, il 30% delle mansioni sarebbe interamente affidabile a un software; ma sempre secondo il rapporto, tutte le attività di gestione, tutti i lavori che richiedono creatività o per cui occorre prendere decisioni in base a variabili imprevedibili, quelle sono ancora praticamente impossibili da far svolgere a un robot.
Dunque l’analisi dimostra che saranno ancora necessari gli esseri umani nel mondo del lavoro: i guadagni di produttività totale si stima arriveranno soltanto se le persone lavoreranno al fianco delle macchine.
La scelta macchina o uomo non è solo questione di condizioni tecniche: tutto dipende dal costo dello sviluppo di hardware e software, dal costo del lavoro e le condizioni di domanda e offerta sul mercato del lavoro, ma soprattutto dei benefici economici, e l’accettazione sociale.

Per ulteriori info